overlayHeader
overlayContent
Traderlink
Cerca
 

Wall Street apre in rialzo, sugli scudi Marvell Tech e Gap

26/05/2023 15:57

La Borsa di New York ha aperto l'ultima seduta della settimana in rialzo spinta dalle speranze sul buon esito dei negoziati per l'aumento del tetto del debito Usa. Il Dow Jones guadagna lo 0,7%, l'S&P 500 lo 0,6% ed il Nasdaq Composite lo 0,7%.
Tra i titoli in evidenza Gap +14%. Il retailer d'abbigliamento di San Francisco ha comunicato risultati per il primo trimestre 2023 segnati a sorpresa da un utile.
Nei tre mesi allo scorso 29 aprile Gap ha infatti registrato un eps rettificato di 1 centesimo di dollaro, contro il rosso di 16 centesimi del consensus di Refinitiv. Le vendite nette sono invece calate del 6% annuo a 3,28 miliardi, in questo caso appena sotto i 3,29 miliardi stimati dagli analisti.

La società ha confermato la guidance d'esercizio e prevede per il secondo trimestre una contrazione delle vendite compresa tra il 5% e il 9% contro il 4,95% del consensus.
Marvell Technology +24%. Il produttore di semiconduttori ha annunciato risultati del primo trimestre superiori alle attese ed ha fornito un outlook convincente.
Ulta Beauty -11%.
Il gruppo dei cosmetici ha presentato risultati per il primo trimestre contrastati e che evidenziano un rallentamento nella crescita della domanda di cosmetici. Il colosso dell'Illinois ha comunicato per i tre mesi allo scorso 29 aprile un eps in rialzo da 6,30 a 6,88 dollari ma appena sotto i 6,89 dollari del consensus di FactSet.

I ricavi sono saliti da 2,35 a 2,63 miliardi di dollari, contro i 2,62 miliardi stimati dagli analisti. La crescita a perimetro costante delle vendite è stata di un netto 11,0% annuo, che si confronta, tuttavia con il 18,0% del primo trimestre del precedente anno fiscale. Ulta Beauty ha peggiorato dal 15,0% al 14,5% -14,8% la guidance d'esercizio in termini di marginalità operativa.
Sul fronte macroeconomico il Pce Price Index (personal consumption expenditure, spesa per consumi personali, metrica privilegiata dalla Federal Reserve per l'inflazione) è salito in aprile del 4,4% annuo contro il 4,2% di marzo (5,1% in febbraio) e il 3,9% del consensus.


Su base sequenziale l'indice dei prezzi è aumentato dello 0,4% contro lo 0,1% precedente (0,3% in febbraio), in linea con le stime degli economisti. Il Core Pce Price Index (al netto di alimentari ed energia) è invece cresciuto del 4,7% annuo contro il 4,6% di marzo (4,7% anche in gennaio e febbraio) e del consensus.
Su base sequenziale l'incremento dell'indice core è stato dello 0,4% contro lo 0,3% di febbraio e marzo (0,5% in gennaio) e delle previsioni del mercato.
I redditi personali sono saliti in aprile dello 0,4% mensile contro lo 0,3% di febbraio e marzo (0,6% in gennaio), in linea con il consensus.

I consumi personali sono invece aumentati dello 0,8% contro lo 0,1% di febbraio e marzo (2,0% la crescita di gennaio) e il rialzo dello 0,4% stimato dagli economisti.
Gli ordinativi di beni durevoli sono saliti in aprile dell'1,1% mensile, contro il rialzo del 3,3% della lettura finale di marzo (1,2% il declino di febbraio) e la flessione dello 0,8% del consensus.
Gli ordini di beni durevoli core (escludendo i trasporti) sono invece calati dello 0,2% contro il precedente incremento dello 0,3% (0,3% il ribasso di febbraio) e la lettura invariata prevista dagli economisti.
Il deficit commerciale di beni sale in aprile a 92,8 miliardi di dollari dagli 82,7 miliardi della lettura finale di marzo (92,0 miliardi in febbraio), contro gli 85,7 miliardi del consensus.

Nel mese le esportazioni sono state pari a 163,3 miliardi (contro i 172,8 miliardi precedenti), a fronte di 260,0 miliardi di importazioni (255,5 miliardi in marzo).
Le scorte all'ingrosso (dato che misura la variazione del valore totale dei beni detenuti in inventario) sono calate in aprile dello 0,2% mensile contro la lettura invariata di marzo (0,1% il rialzo di febbraio) e del consensus.

RV - www.ftaonline.com

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata


Condividilo!  

TAG:

Nasdaq Borsa Debt Dollaro Usa Wall street

GRAFICI:

Dow jones Etfb Gap inc Marvell technology inc Nasdaq Ulta beauty inc


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


Altri di News FTAONLINE


App Traderlink Cloud
Apple Store

Pietro Di Lorenzo: Mercato italiano in una fase di difficile interpretazione

PIL in crescita ma le borse UE precipitano sui minimi mensili. Ieri il migliore era Prysmian che oggi si conferma maglia nera. Segno negativo anche per Leonardo ed Eni. Bene alcuni bancari come Monte dei Paschi e Fineco.  

Scelti per te

Mercati azionari

Ultimi segnali

Formazione Directa

Copyright © 1996-2023 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x