Banca Generali scivola in Borsa: operazione Generali-Guggenheim in forse

24/11/2022 17:12

Banca Generali in forte calo sui rumor

Intorno alle 13:30 Banca Generali ha accelerato al ribasso fino alla sospensione in asta di volatilità a oltre -7% teorico. Rapidità ed entità della flessione non sono normali.
In questi casi o si tratta del cosiddetto "fat finger", ovvero un errore di un'operatore nell'immissione a tastiera di un ordine di vendita, oppure dell'uscita di qualche notizia particolarmente impattante sui prezzi. Oggi su Banca Generali si è trattato della seconda possibilità.

La speculazione si raffredda

Secondo i lanci di agenzia alcuni operatori riferiscono di un'indiscrezione lanciata da Bloomberg che ha di molto raffreddato la speculazione su un accordo tra Generali (che controlla il 51% di Banca Generali) e Guggenheim Partners per la vendita della divisione asset management al gruppo assicurativo italiano.

I rumor sull'operazione si erano diffusi la mattina del 30 settembre scorso e avevano proiettato Banca Generali a +19% in chiusura di seduta.

Generali-Guggenheim: stand-by o stop?

Il balzo del titolo era stato causato da una conseguenza del possibile accordo Generali-Guggenheim.
Per finanziare l'operazione, il Leone di Trieste avrebbe dovuto fare cassa vendendo la quota di maggioranza alla controllante Mediobanca, operazione particolarmente gradita a quest'ultima, e che quindi avrebbe potuto valorizzare in modo sostanzioso Banca Generali. I rumor odierni rimettono parzialmente in discussione il progetto (che comunque non è mai stato né confermato né smentito da Generali) e quindi il potenziale speculativo del titolo.

Solo parzialmente però, dato che non è dato sapere se l'acquisizione degli asset Guggenheim è stata solo messa in stand-by oppure se non è più nei programmi di Generali.

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata

Condividi