L'incubo economico cinese persiste: aspettative di crescita riviste al ribasso

30/08/2023 08:20

L'incubo economico cinese persiste: aspettative di crescita riviste al ribasso

Gli analisti prevedono che l'instabilità economica cinese non si risolverà a breve

Gli analisti prevedono che l'instabilità economica cinese non si risolverà a breve, poiché le aspettative di crescita sono state ridotte per quest'anno e il prossimo.

Secondo un sondaggio di Bloomberg, gli economisti stimano che il prodotto interno lordo (PIL) della Cina crescerà solo dell'5,1% nel 2023, una revisione al ribasso rispetto alla previsione precedente del 5,2%.

Sfide economiche e impatto globale

La Cina ha riportato una crescita del 6,3% nel secondo trimestre del 2023, molto al di sotto delle previsioni, e sta affrontando deflazione, disoccupazione giovanile record e una crisi immobiliare grave.

Le preoccupazioni sul rallentamento della crescita economica cinese hanno suscitato allarmi, con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden che ha definito la Cina come una "bomba a orologeria" per l'economia globale.

Gli esperti avvertono che questa situazione potrebbe avere impatti significativi su scala mondiale.

Prospettiva futura e intervento governativo

Secondo Alfredo Montufar-Helu, del China Center presso il Conference Board, la Cina non potrà svolgere il ruolo di traino per la ripresa economica globale dopo la pandemia come fece durante la crisi finanziaria del 2008.

L'economia cinese continua a essere sottoposta a pressioni al ribasso, il che potrebbe ulteriormente aggravare le sfide che l'economia mondiale già affronta.

Nonostante Pechino abbia abbassato il proprio obiettivo ufficiale di crescita al 5% per il 2023 e abbia adottato misure come riduzione delle tasse, allentamento delle restrizioni sul mercato immobiliare e abbassamento dei tassi di interesse, l'atteggiamento prudente dei responsabili politici ha avuto impatti sui prezzi delle azioni e sulla valuta cinese, che si è avvicinata al minimo storico nei confronti del dollaro.

Sfiducia nel governo e previsioni future

Un sondaggio di Bloomberg rivela che il 32% degli investitori ritiene che l'intervento governativo cinese possa rivelarsi "troppo poco e troppo tardi".

Solo l'11% si aspetta una risposta "veramente grande", simile a quanto accadde dopo la crisi finanziaria del 2008.

Questi dati riflettono una crescente sfiducia nei confronti delle azioni intraprese dal governo cinese per affrontare le difficoltà economiche attuali.

Declino del Sentimento sull'Economia Cinese: Crisi Immobiliare e Dilemma delle Autorità

L'atteggiamento nei confronti dell'economia e dei mercati cinesi sta subendo un declino, principalmente a causa della debolezza economica e della crisi immobiliare.

L'indebolimento dell'attività nel settore immobiliare sta acuendo la situazione.

Le autorità cinesi potrebbero essere inclini ad adottare piani di stimolo rilevanti, ma questa strategia comporta il rischio di peggiorare la situazione, dato che il supporto passato ha contribuito a creare una bolla immobiliare, un eccesso di investimenti nel settore immobiliare e infrastrutturale e un elevato livello di debito associato a una domanda costantemente debole.

Il dilemma è evidente.

La Cina è consapevole che parte della crisi attuale è stata causata dalle sue azioni passate e l'adozione di misure troppo aggressive potrebbe aggravare ulteriormente la situazione.

Azioni come allentare le restrizioni sulla speculazione immobiliare e promuovere il mercato azionario attraverso la riduzione delle tasse e il supporto istituzionale mirano a contrastare gli effetti negativi, ma non affrontano le radici profonde del disagio economico.

Soluzioni difficili da implementare, come una ristrutturazione seria del debito coinvolgente coloro che possono sopportarlo, la redistribuzione del reddito tra i cittadini e la creazione di opportunità lavorative, sono necessarie per affrontare le cause fondamentali del problema.

Tuttavia, queste misure sono complesse da attuare e la Cina, nota per la sua limitata divulgazione di informazioni complete, potrebbe comunicare solo ciò che intende far conoscere o ciò che non può nascondere.

L'economia cinese potrebbe diventare un fattore di debolezza piuttosto che di forza nel ciclo economico globale

L'economia cinese potrebbe diventare un fattore di debolezza piuttosto che di forza nel ciclo economico globale nei prossimi anni, con possibili rimbalzi congiunturali che rimarranno sporadici.

Il destino dell'economia cinese sarà strettamente legato alle azioni intraprese dal governo, alla politica e alla banca centrale. La crisi immobiliare ha contribuito a generare un contesto di incertezza e sfide complesse.

Il governo cinese tenta di contrastare il rallentamento

Le recenti misure introdotte dal governo cinese non hanno completamente attenuato le preoccupazioni degli investitori, secondo Jason Lui di BNP Paribas.

Gli investitori cercano interventi più sostanziali da parte del governo per stimolare l'economia prima di impegnarsi in acquisti di azioni.

Il Ministero delle Finanze della Cina ha recentemente annunciato la riduzione della tassa di bollo sulle transazioni di titoli

Il Ministero delle Finanze della Cina ha recentemente annunciato la riduzione della tassa di bollo sulle transazioni di titoli al 0,05%, a partire da lunedì, nel tentativo di stimolare l'attività di trading e la fiducia degli investitori.

Questa è la prima riduzione della tassa di bollo in Cina dal 2008. Sebbene questa riduzione dovrebbe ridurre i costi di negoziazione delle azioni A del 35% al 40%, l'impatto storico di tali tagli tende a diminuire dopo sei mesi.

L'autorità di regolamentazione dei titoli cinese sta adottando misure per limitare le nuove quotazioni

Inoltre, l'autorità di regolamentazione dei titoli cinese sta adottando misure per limitare le nuove quotazioni, il che potrebbe contribuire a bilanciare l'offerta e la domanda, nonché consentire maggiore margine di prestito.

L'autorità impedirà anche ai soci di controllo di vendere azioni di aziende quotate che non hanno distribuito dividendi negli ultimi tre anni o che stanno scambiando al di sotto dei prezzi di offerta pubblica iniziale o dei valori degli asset netti.

Il mercato azionario cinese è stato colpito quest'anno da un'economia in difficoltà e da un settore immobiliare in declino

Il mercato azionario cinese è stato colpito quest'anno da un'economia in difficoltà e da un settore immobiliare in declino.

Gli investitori stranieri hanno venduto azioni cinesi, con fuoriuscite da titoli domestici da parte di investitori istituzionali stranieri attraverso un popolare collegamento di trading che ha raggiunto 10,2 miliardi di dollari ad agosto.

Gli investitori stranieri sono stati venditori netti di azioni cinesi per 13 giorni consecutivi questo mese, la più lunga serie di vendite dal novembre 2015, quando il mercato stava riprendendo da un crollo storico.

La Cina vuole rinforzare il mercato del capitale e aumentare la fiducia degli investitori

Gli sforzi recenti della Cina per sostenere il suo mercato azionario seguono una dichiarazione alla fine di luglio da parte del Politburo, l'organo decisionale politico più elevato del Partito Comunista, che si è impegnato a "rinforzare il mercato del capitale e aumentare la fiducia degli investitori".

Tuttavia, l'autorità di regolamentazione dei titoli aveva precedentemente adottato misure più moderate fino all'annuncio delle ultime misure.

In uno sviluppo separato, il capo esecutivo di Hong Kong, John Lee, ha menzionato che il governo sta considerando la creazione di un gruppo di lavoro per migliorare la liquidità del mercato azionario.

L'indice Hang Seng di Hong Kong è ufficialmente entrato in territorio di mercato orso all'inizio di questo mese.

Evergrande ha ripreso le negoziazioni a Hong Kong

È importante notare che il Gruppo China Evergrande, un promotore immobiliare in difficoltà, ha ripreso le negoziazioni a Hong Kong dopo una sospensione di 17 mesi e ha visto le sue azioni chiudere in ribasso dell'79%.

L'azienda ha riportato una perdita netta di 4,5 miliardi di dollari per la prima metà del 2023, sebbene ciò rappresenti un miglioramento rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

L'azienda ha presentato istanza di fallimento ai sensi del capitolo 15 a New York all'inizio di questo mese, avvicinandosi alla conclusione della ristrutturazione dei suoi circa 19 miliardi di dollari di obbligazioni estere.

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata

Condividi