overlayHeader
overlayContent
Traderlink
YouFinance.it
tanta didattica gratuita
Cerca
 

Aiutaci a piantare 10.000 alberi!

Partecipa al torneo di trading simulato ›

E' una iniziativa
Traderlink

Petrolio Russia: tetto al prezzo in arrivo?

23/11/2022 16:56

Il G7 propone un tetto al prezzo del petrolio della Russia

All'indomani della proposta della Commissione Europea di introdurre un tetto al prezzo del gas, si fanno strada rumor riguardanti una misura con effetti simili sul petrolio esportato dalla Russia.
In base a quanto riferito da Reuters (che cita un diplomatico UE come fonte) i rappresentati dei 27 Paesi dell'Unione Europea stanno discutendo la proposta del G7 di imporre un price cap a 65-70 dollari/barile sul petrolio venduto da Mosca e trasportato via mare con navi petroliere.

La misura colpirebbe il petrolio russo trasportato via mare

L'ipotesi su cui si lavora è l'imposizione di un divieto a carico di compagnie di navigazione, assicurazione e riassicurazione di trattare petrolio russo in ogni parte del mondo a meno che non sia stato venduto a un prezzo inferiore a quello massimo fissato dal G7 e dai suoi alleati.

Il greggio trasportato via mare rappresenta il 70-85 per cento del totale che Mosca esporta. Inoltre la maggior parte di . L'istituzione di un price cap andrebbe quindi a colpire in modo significativo le finanze russe: l'obiettivo della misura sarebbe infatti quello di limitare la capacità di Putin di acquistare armamenti da usare in Ucraina.


Trattativa tra i 27 della UE

Sempre in base a quanto riferito da Reuters il consenso sulla misura è ampio ma con qualche distinguo.

Alcuni Paesi (quelli con più compagnie di bandiera) vorrebbero un tetto più alto, mentre altre spingono per un limite più basso, dato che il costo di produzione del greggio russo è di circa 20 dollari/barile e quindi un cap a 65-70 consentirebbe comunque a Mosca di generare profitti consistenti.
Ma, secondo la fonte diplomatica, il fatto che la discussione sia su questo piano significa che il tetto proposto dal G7 rappresenta una buona mediazione. Al momento solo Polonia e Ungheria si sarebbero opposte in modo esplicito all'adozione del cap. La reazione dei mercati a queste notizie è chiara: il Brent cede il 5,7% dai massimi di stamattina, il WTI segna -5,9%.

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata


Condividilo!  

GRAFICI:

Crude oil


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


App Traderlink Cloud
Apple Store

Copyright © 1996-2022 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x