Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: rischi di ritardi

19/09/2023 13:02

Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: rischi di ritardi
Secondo il rapporto, l'Italia sta affrontando il rischio di possibili ritardi nell'attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). I documenti rilasciati recentemente costituiscono il secondo rapporto sul Recovery Fund, il fondo destinato alla ripresa e alla resilienza. L'Italia ha presentato tre richieste di pagamento corrispondenti a 151 tappe cruciali e obiettivi del Piano.
Queste richieste ammontano a un totale di 42 miliardi di euro, che si riferiscono alle prime due richieste di pagamento effettuate. La Commissione Europea ha approvato la valutazione preliminare dell'ultima richiesta di pagamento presentata dall'Italia il 30 dicembre 2022 il 28 luglio 2023. La Commissione Europea sottolinea l'importanza di procedere rapidamente con l'attuazione del Piano e con la negoziazione della sua modifica, considerando la sua natura temporanea che rimarrà in vigore fino al 2026.

Infine, il rapporto fornisce l'attuale stato di avanzamento delle tappe intermedie e degli obiettivi che l'Italia dovrà raggiungere, valutati come "rispettati in modo soddisfacente" dalla Commissione.

(NEWS Traderlink)

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata

Condividi

Argomenti

Europe

Google News Siamo su Google News!

Rimani sempre aggiornato, clicca sul link qui sotto, e nella pagina che si apre non dimenticarti di cliccare il bottone "Segui".

Traderlink Google News »