Piazza Affari vola grazie ai bancari: FTSE MIB registra un aumento del 1,0%

13/11/2023 10:16

Piazza Affari vola grazie ai bancari: FTSE MIB registra un aumento del 1,0%
Piazza Affari ha registrato una performance positiva trainata dai settori bancari, con il FTSE MIB che ha guadagnato l'1,0%. Gli altri indici italiani hanno mostrato incrementi più modesti: il FTSE Italia All-Share +0,9%, il FTSE Italia Mid Cap +0,4% e il FTSE Italia STAR +0,1%. A livello europeo, i mercati azionari hanno chiuso in territorio positivo, con l'EURO STOXX 50 +0,8%, FTSE 100 +0,8%, DAX +0,5%, CAC 40 +0,7% e IBEX 35 +0,7%.
I future sugli indici azionari americani, invece, hanno mostrato debolezza, con il S&P 500 -0,2%, NASDAQ 100 -0,3% e Dow Jones Industrial -0,2%. Nella seduta precedente, i principali indici statunitensi hanno registrato aumenti: S&P 500 +1,56%, NASDAQ Composite +2,05% e Dow Jones Industrial +1,15%.

Nel mercato azionario giapponese, l'indice Nikkei 225 ha chiuso con una modesta crescita dello 0,05%. Le borse cinesi, invece, hanno mostrato una tendenza positiva, con l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen a -0,20% e l'Hang Seng di Hong Kong a +1,30%. L'euro ha registrato un lieve recupero rispetto al dollaro, con l'EUR/USD che si attesta intorno a 1,0690.
Il mercato dei titoli di Stato italiani ha mostrato un miglioramento, con il rendimento del decennale al 4,55% (rispetto al 4,56% della chiusura precedente) e lo spread sul Bund a 182 bp (rispetto ai 185 bp precedenti). I bancari italiani hanno iniziato la settimana con una performance positiva, con l'indice FTSE Italia Banche in aumento del 1,8% rispetto all'1,1% dell'EURO STOXX Banks.

Banca MPS ha brillato con un aumento del 6,5% dopo la decisione di Fitch di migliorare il suo rating di due gradi, passando da B+ a BB, sulla base del successo del processo di ristrutturazione e della stabilità della base dei depositi. Banco BPM ha registrato un aumento del 4,7%, supportato dal report di JP Morgan che ha aumentato il target price da 5,10 a 6,40 euro.
Anche BPER Banca ha registrato acquisti consistenti, con un aumento del 5,8%. Inoltre, il presidente di Gruppo Unipol, Carlo Cimbri, ha dichiarato che eventuali aggregazioni con MPS o BP Sondrio sono fuori discussione. Telecom Italia ha registrato una buona performance, con un aumento del 2,5%, dopo che Fitch ha annunciato una possibile revisione del rating del gruppo per un miglioramento futuro, basato sulla vendita di NetCo che ridurrebbe il debito e migliorerebbe il profilo finanziario.

Il CEO Pietro Labriola ha dichiarato al Financial Times che la vendita della rete a KKR è l'unica soluzione possibile per risolvere il problema del debito. Nel settore petrolifero, i titoli sono stati in territorio positivo, con il Brent che si avvicina ai massimi di venerdì. Il future gennaio sul Brent ha segnato 81,05 $/barile, mentre il future dicembre sul WTI ha segnato 76,85 $/barile.
Tenaris ha registrato un aumento dello 0,7%, Saipem +1,3%, Saras +2,4% e d'Amico International Shipping +2,2%. Eni ha segnalato un aumento dello 0,5% e ci sono state indiscrezioni secondo cui alcune banche d'investimento hanno prospettato al Tesoro la possibilità di vendere una parte del 32% circa detenuto senza perdere il controllo grazie al buyback avviato a settembre.

Al momento, Eni possiede azioni proprie pari al 3,74% del capitale. Non ci sono eventi macroeconomici significativi previsti per oggi.

(NEWS Traderlink)

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata

Condividi

×
Directa - Visual Trader