Traderlink
Cerca
 

Bond News: Euromacro

17/06/2021 17:40

Poche le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

L'Istat rende noto che nel mese di aprile 2021 si stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l'estero, più intensa per le esportazioni (+3,4%) che per le importazioni (+1,9%). L'incremento su base mensile dell'export è dovuto all'aumento delle vendite verso i mercati extra Ue (+7,4%); quelle verso l'area Ue registrano un calo contenuto (-0,2%).Nel trimestre febbraio-aprile 2021, rispetto al precedente, l'export aumenta del 4,2%, l'import del 7,6%.Ad aprile 2021, a seguito del livello eccezionalmente basso di aprile 2020, la crescita su base annua dell'export è straordinariamente ampio: +97,6%, con +91,5% perle vendite verso l'area Ue e +104,6% verso quella extra Ue.

Anche l'import segna un fortissimo aumento tendenziale (+62,8%) che coinvolge sia l'area Ue (+69,2%) sia i mercati extra Ue (+54,9%). Ad aprile 2021, si registrano incrementi tendenziali delle esportazioni eccezionalmente ampi per tutti i settori; solo le vendite di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici sono in diminuzione (-11,3%).
Su base annua, le esportazioni crescono in misura molto sostenuta verso tutti i principali paesi partner; i contributi maggiori riguardano le vendite verso Germania (che crescono del 76,9%), Francia (+116,6%), Stati Uniti (+112,5%), Spagna (+120,8%), Svizzera (+86,9%) e Regno Unito (+83,8%).Nei primi quattro mesi del 2021, la crescita tendenziale dell'export (+19,8%) è dovuta in particolare all'aumento delle vendite di macchinari e apparecchi n.c.a.

(+25,8%), metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+29,1%), autoveicoli (+62,0%), apparecchi elettrici (+31,6%) e pelletteria (+27,8%).La stima del saldo commerciale ad aprile 2021 è pari a +5.870 milioni di euro (era -1.117 ad aprile 2020). Al netto dei prodotti energetici il saldo è pari a +8.719 milioni (era +135 ad aprile dello scorso anno).Nel mese di aprile 2021 i prezzi all'importazione aumentano dello 0,9% su base mensile e dell'8,3% su base annua.


Eurostat ha comunicato che nel mese di maggio il dato relativo all'Indice dei prezzi al consumo (CPI preliminare) è aumentato del 2% su base annuale risultando superiore alle attese e alla rilevazione precedente, fissae rispettivamente al +1,9% e ale +1,6%.

L'indice Core (esclusi i prezzi di energia, cibo, alcool e tabacco) è cresciuto dello 0,9% rispetto a un anno fa dal +0,8% del mese precedente (attese +0,9%).

Aste in Europa:
- In Francia l'Agenzia del Tesoro AFT ha collocato un totale di 12,223 mld in titoli a medio lungo termine, entro le forchette stabilite dal Tesoro.
Nel dettaglio sono stati assegnati 3,134 mld di euro in OAT con scadenza maggio 2025 al -0,51% con bid to cover pari a 2,53. Sono poi stati collocati OAT febbraio 2027 per 3,150 mld al -0,30% e rapporto di copertura di 2,26 volte, 1,880 mld di euro in OAT maggio 2028 al -0,21% e bid to cover pari a 2,47.

Inoltre sono stati collocati OAT con scadenza a maggio 2029 per 1,835 mld di euro al -0,10 e bid to cover di 2,31, Oat Index linked 2025 per 751 milioni di euro al -1,54%, AVENA index linked 2031 per 897 milioni al -1,27% e rapporto di copertura di 2,20 volte e infine AVENA index linked 2047 per 576 milioni al -0,76% e rapporto di copertura di 2,15 volte..
- La Spagna ha collocato un totale di 5,52 mld di euro in Bonos, nella media della forchetta stabilita dal Tesoro di 2,250-3,750 mld di euro.

Nel dettaglio sono stati assegnati 1,967 miliardi di euro in Bonos 2024 con rendimento medio al -0,440% dal -0,356%. Sono poi stati allocati 2,164 mld di Bonos 2028, con rendimento al +0,011% dal +0,171% precedente, poi 1,390 mld di euro in Bonos 2037 con rendimento allo 0,972% precedente.

Diminuiscono i depositi overnight presso la Bce.
L'ultima rilevazione giornaliera indica che i depositi di breve delle banche europee presso la Banca centrale europea ammontano a 523,802 miliardi di euro, dai 742,028 miliardi della lettura precedente. Fermi a zero i prestiti marginali.

Spread BTP/Bund a 106 punti base nel pomeriggio. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta allo 0,83%.

Titoli di Stato tedeschi in calo. Il Bund future di settembre 2020 scende a 172,41 punti (-0,11%) ed il Bobl future si attesta a 134,21 punti (-0,07%).

(CC - www.ftaonline.com)

Fonte: News Trend Online
 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Bond Europe Finanza Indicators and oscillators Macro economia

GRAFICI:

-media- Euro bund fut Future plc Spread btp-bund 10y


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


App Traderlink Cloud
Apple Store

Copyright © 1996-2021 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x