Traderlink
YouFinance.it
l'evento gratuito dell'anno
Cerca
 

Il vantaggio conseguibile dalla migliore analisi tecnica

30/04/2021 09:42

Dal 1994, soltanto altri 7 FOMC Days si sono tradotti in un range intraday più ristretto per lo S&P500. Nelle ultime tre sedute il saldo finale non è andato oltre lo 0.2% in valore assoluto; e non superiore allo 0.2% è stata la variazione rispetto ad 8 giorni fa.

Il rapporto fra mercati e Federal Reserve, ricorda la relazione fra due anziani coniugi, che ormai si sono detti tutto: noiosa, in attesa di eventi – magari esogeni – che forniscano un sussulto ad un’esistenza altrimenti priva di emozioni.
"Boring" in effetti è l’aggettivo impiegato dalla stampa specializzata per descrivere l’esito del FOMC di ieri. Il buon Powell non ha molto altro da aggiungere a favore di cronisti affamati di novità da riportare: la Federal Reserve attenderà pazientemente che la piena occupazione sia ripristinata, che l’inflazione si collochi stabilmente sopra il 2.0%, prima di iniziare a valutare una riduzione degli stimoli che sarà comunque comunicata con largo anticipo. Ufficialmente mancano ancora all’appello 8.4 milioni di posti di lavoro, sebbene le previsioni degli economisti suggeriscano una creazione di buste paga prossima al milione di unità per il mese che sta per finire, e per quello entrante, quantomeno.
Alla fine, però, si consegue ancora un nulla di fatto. Dal 1994, soltanto altri 7 FOMC Days si sono tradotti in un range intraday più ristretto per lo S&P500. Nelle ultime tre sedute il saldo finale non è andato oltre lo 0.2% in valore assoluto; e non superiore allo 0.2% è stata la variazione rispetto ad 8 giorni fa. Bisognerebbe risalire al 2017 – ben tre episodi – per ritrovare un setup simile.
A proposito di similitudini, Wall Street sta continuando a seguire fedelmente lo script proposto a metà febbraio: quando ci soffermammo su tutte le finestre, di sei mesi, dal coefficiente di correlazione più elevato rispetto al semestre che appunto in quel momento si completava. “Clamorosamente”, non vi era traccia di annate funeste, ma al contrario si delineava un percorso che il mercato azionario americano ha fedelmente ricalcato, fino ad ora, come evidenzia il Rapporto Giornaliero di oggi.
L’analisi tecnica esce ancora una volta incoronata da successo, dopo la conclusione di questo primo terzo dell’anno. I mercati finanziari si possono prevedere; a patto di non commettere l’errore di seguire piste battute da tutti: come coloro che pensano di arricchirsi utilizzando RSI, MACD, bande di Bollinger e altri strumenti che affollano le piattaforme di trading.
Come segnala Bloomberg, nulla quest’anno ha funzionato meglio di una strategia passiva ed attendista. Dopotutto, non avevamo segnalato nell’Outlook di inizio anno di rimanere convintamente investiti fino a primavera inoltrata?

Articolo a cura di Gaetano Evangelista
www.ageitalia.net

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Technical analysis Federal reserve Mercati

AUTORI:

Gaetano evangelista

GRAFICI:

Ristretto S&p 500 Unit corp

TRADERPEDIA:

Analisi tecnica Inflazione Sar Wall street


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


App Traderlink Cloud
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Formazione Directa

Copyright © 1996-2021 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x