Analisi Ciclica sull’Indice Dax

Eugenio Sartorelli Eugenio Sartorelli - 23/02/2024 16:18

Vediamo di fare un’Analisi Ciclica sull’Indice Dax (in realtà il future) per capire i potenziali sviluppi per i prossimi giorni.

Vediamo l’andamento del future Dax a partire dal minimo del 17 gennaio, con dati a 15 minuti aggiornati alle ore 15:00 di oggi 23 febbraio:

  

Il grafico è stato realizzato con il software Cycles Navigator da me ideato.

La linea verde a pallini rappresenta i prezzi del future Dax. La linea Bianca rappresenta il potenziale andamento ciclico (valido soprattutto per i tempi e per le tendenze e non per le forze- ovvero i prezzi). Le linee in basso sono opportuni Oscillatori che mi aiutano a definire l’intensità di Forze Cicliche (ne uso circa 6-7 differenti). 

Questo grafico rappresenta il Ciclo metà-Intermedio (durata media pari a 1,5 mesi circa) - questo ciclo è partito sul minimo del 17 gennaio, come del resto per i principali mercati Europei. Il Ciclo ha avuto una buona fase rialzista sino fine gennaio; è seguita una lateralità. Dal minimo centrale del 13 febbraio (vedi freccia rossa) è partita una nuova spinta che si è intensificata dopo il 20 febbraio (vedi freccia verde). Questo ulteriore rialzo era poco atteso in un mese (febbraio) che dal punto di vista della stagionalità non è particolarmente positivo. Questa ulteriore fase rialzista pone 2 possibilità cicliche:

  1. Come quella in figura, con un ciclo che può rimanere forte sino a fine mese (vedi ellisse gialla) e poi potrebbe avere una correzione per andare a fine ciclo entro il 12 marzo;
  2. Ciclo Mensile (durata media 1 mese) terminato sul minimo del 13 febbraio; con il nuovo ciclo ci può essere una spinta rialzista sino più prolungata.

Va detto che la spinta rialzista soprattutto sull’Indice Dax sembra avere dei connotati poco razionali e più emotivi, visto che siamo su massimi storici e se si confronta con la situazione di chiaro rallentamento economico generale della Germania. Tuttavia, questo tipo di discorsi esulano dall’anali delle strutture cicliche che si concentrano più sulla sequenza di conformazioni tempi/prezzi (ed anche volumi).

Giusto per dare qualche riferimento di prezzo (che io chiamo “livelli critici” e non sono veri target price) una fase di ulteriore forza potrebbe portare a 17600-17750-17900 e sino a 18000 punti che per ora pongo come limite.

Dal lato opposto una leggera correzione potrebbe portare a 17350-17200 e sino a 17000 punti. Valori inferiori ci direbbero della conclusione della fase rialzista e si potrebbe procedere in varie fasi sino a 16500 punti.

Ricordo che per quanto ci siano delle strutture cicliche all’interno dei mercati finanziari queste non sono e non possono essere esattamente regolari. Pertanto, l’analisi svolta (come tutta l’analisi tecnica) non può che essere di tipo probabilistico, nel rispetto di una serie di regole che l’Analisi Ciclica prevede.

Segnalo il mio Corso Opzioni (16 marzo): https://www.investimentivincenti.it/default.asp?pag=Corso-Opzioni

Condividi

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.