Analisi Ciclica sull'S&P500

Eugenio Sartorelli Eugenio Sartorelli - 07/05/2022 20:35

Vediamo di fare un’Analisi Ciclica sull’Indice S&P500 (in realtà il future miniS&P500) per capire i potenziali sviluppi per i prossimi giorni.

Osserviamo l’andamento del miniS&P500 a partire dal minimo del 24 febbraio, con dati a 60 minuti aggiornati alla chiusura di venerdì 6 maggio:

Il grafico è stato realizzato con il software Cycles Navigator da me ideato.

La linea verde a pallini rappresenta i prezzi del future sul miniS&P500. La linea Bianca rappresenta il potenziale andamento ciclico (valido soprattutto per i tempi e per le tendenze e non per le forze- ovvero i prezzi). La linea Gialla in basso è un indicatore di Intensità di Forze Cicliche (ne uso circa 6-7 differenti).

Questo grafico rappresenta il Ciclo Intermedio (durata media pari a circa 3 mesi) - questo ciclo è partito sui minimi del 24 gennaio e si è messo prematuramente in debolezza con un’area di minimo tra il 24 febbraio ed il 15 marzo (vedi retta rossa punteggiata). Da lì è partito un buon recupero sino al massimo ciclico del 29 marzo (vedi freccia gialla). è seguita una fase di debolezza con un minimo il 2 maggio (vedi freccia verde) con il 6 maggio che ha chiuso su livelli analoghi.

In termine di strutture cicliche tempi/prezzi saremmo in una fase idonea per un minimo da cui può partire un nuovo Ciclo Intermedio. Se così fosse potremmo avere un leggero recupero per almeno 2-3 settimane.

Poiché i cicli non possono avere strutture esatte e predeterminate non si può escludere un ulteriore discesa. Se questa debolezza proseguisse ben oltre il 13 maggio (e sotto 4000 punti) si dovrebbe valutare una differente struttura ciclica, per ora non molto chiara da definire, e che avrebbe implicazioni ribassiste più generali.

Va detto che in termini di stagionalità (che è sempre una forma di ciclicità), maggio risulta essere un mese mediamente rialzista.

Giusto per dare qualche riferimento di prezzo (che io chiamo “livelli critici” e non sono veri target price) una fase di leggero recupero potrebbe portare a 4150-4200 punti; oltre abbiamo 4250 e 4300. Valori superiori sarebbe una buona conferma di una nuova struttura ciclica e si potrebbe procedere oltre, ma non è attesa una fase di particolare forza.

Dal lato opposto una fase di ulteriore debolezza potrebbe portare sotto 4100 e 4050 punti. Valori inferiori sarebbero un segnale di una fase di debolezza più strutturale e vi potrebbero essere accelerazioni verso 3900 e 3800 punti.

Ricordo che per quanto ci siano delle strutture cicliche all’interno dei mercati finanziari queste non sono e non possono essere esattamente regolari. Pertanto l’analisi svolta (come tutta l’analisi tecnica) non può che essere di tipo probabilistico, nel rispetto di una serie di regole che l’Analisi Ciclica prevede.

Segnalo il Web Corso: Come Affrontare i Mercati (relatori: Biocchi e Sartorelli). 6 Lezioni.

Per Info: https://www.carisma-italia.com/webinar_ap rile_2022/join.webinar.privati.twrk.html

 

 

 

Condividi

Questi ti potrebbero interessare

Il dramma dell'ideologia. 24/4/2024

Giovanni Lapidari

Il dramma dell'ideologia. 24/4/2024

24/04/2024 09:00

L'avete voluta la volatilità?

Giovanni Lapidari

L'avete voluta la volatilità?

16/04/2024 09:12

Dello stesso argomento:

CICLI

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.