Calendario macro: i market mover della settimana

Rossana Prezioso Rossana Prezioso - 03/01/2022 10:47

Dopo le scorse settimane, caratterizzate da un calendario macro leggero a causa prima delle festività natalizie e poi di quelle del Capodanno, tornano gli appuntamenti con le rilevazioni economiche. Sotto i riflettori, questa settimana, saranno i dati PMI e quelli riguardanti il mondo del lavoro, oltre al settore inflazione.

Lunedì: occhio ai numeri dei PMI

Il primo giorno della settimana avrà come protagonista il dato PMI di dicembre in Europa e negli USA (per entrambi si tratterà di quello manifatturiero). In agenda anche la rilevazione statunitense sulle spese costruzioni di novembre.

Martedì: tanti appuntamenti
Torna l’Asia nell’agenda degli osservatori. Ma non solo. In primo piano saranno infatti i numeri europei con il tasso di disoccupazione tedesco a dicembre. Molto importanti anche i numeri di Cina e Giappone, entrambi con il PMI manifatturiero di dicembre (per Pechino è bene ricordare che si guarderà al PMI manifatturiero Caixin). Tornando in Europa, invece, le novità dalla Germania continuano con le vendite al dettaglio di novembre mentre Londra presenterà al mondo i crediti al consumo e i dati M4 di novembre oltre all'ISM manifatturiero di dicembre. Per le altre nazioni del Vecchio Continente, invece, si dovrà guardare a Francia con il dato provvisorio dei prezzi al consumo di dicembre. Per gli USA, invece, sarà la volta dell’indice ISM manifatturiero, sempre di dicembre.

Mercoledì: PMI a tutto spiano
Come anticipato saranno ancora i numeri del Purchasing Managers Index (PMI)  ad occupare la scena. Nello specifico saranno quelli di servizi e PMI composito di dicembre (per l’Europa e per gli USA). Ad accompagnare tutto saranno anche i numeri sulla fiducia dei consumatori giapponesi e francesi (dicembre) oltre alla disoccupazione spagnola di dicembre. Da citare il dato provvisorio sui prezzi al consumo in Italia a dicembre. Per gli USA, invece, oltre al PMI si conosceranno anche gli occupati ADP di dicembre e, per i dati settimanali, le scorte di petrolio.    

Giovedì: avanti con la Germania
PMI ancora in pista e ancora con la Cina. Si tratta, infatti, del PMI servizi Caixin cinese di dicembre. Ma la lista degli appuntamenti sarà alquanto lunga. Per le singole nazioni del Vecchio Continente si guarderà agli ordini all'industria tedeschi di novembre e ai prezzi al consumo (provvisorio) di dicembre mentre l'Eurozona conoscerà i suoi prezzi alla produzione di novembre. Dagli USA saranno in arrivo, nell'ordine: bilancia commerciale e ordini all'industria di novembre, ISM non manifatturiero di dicembre e dati settimanali per richieste sussidi di disoccupazione e stoccaggi gas.

Venerdì: Europa superstar ma non dimentichiamo gli USA
La settimana si chiuderà con una lunga carrellata di dati macro riguardanti l'Europa. In particolare: fiducia di imprese, consumatori ed economica a dicembre, vendite al dettaglio di novembre e prezzi al consumo (dato provvisorio) di dicembre. A incorniciare il tutto ci saranno, per la Germania, la bilancia commerciale di novembre e la produzione industriale, anch'essa di novembre. Gli stessi dati riguarderanno anche la Francia che conoscerà, in più, anche le sue partite correnti. Negli USA, invece, si guarderà al mondo del lavoro con la variazione occupati e il tasso di disoccupazione, entrambi di dicembre.  

A cura di Rossana Prezioso

Condividi

Opinione sui mercati

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.