Italia resiliente: PIL 2023 al +0,8%

Maurizio Mazziero Maurizio Mazziero - 03/02/2023 11:28

L'Istat ha confermato la nostra stima del PIL 2022 al +3,9%, al di sopra delle aspettative di altri istituti.

 



Manteniamo per il momento la nostra stima del PIL 2023 al +0,8%, con una ripresa al +0,1% per il 1° trimestre, seguita da due trimestri con +0,2% e un 4° trimestre invariato.

Queste stime mostrano un approccio cauto, non escludiamo miglioramenti nel corso dell'anno che potrebbero portare il PIL a +1,0% o a un suo moderato superamento.

L'Italia conserva una buona resilienza, malgrado le numerose criticità internazionali, e potrebbe continuare il suo percorso di crescita.

 

INFLAZIONE IL PICCO È PASSATO - MA NON PER TUTTI I BENI

 

Le ultime rilevazioni Istat sull'inflazione di gennaio mostrano un calo per il secondo mese consecutivo del paniere generale, ma vedono in aumento la componente di fondo, definita anche "core", che esclude i beni alimentari ed energetici.

Osservando le variazioni mensili è possibile stimare il percorso dell'inflazione nei mesi futuri, infatti ogni mese entra il nuovo dato congiunturale ed esce quello più lontano nel tempo.

Il prossimo mese quindi uscirà il dato relativo a febbraio 2022 che aveva presentato un'inflazione congiunturale di +0,9% sull'indice generale e +0,3% sulla componente di fondo. 

Appare probabile che febbraio 2023 per l'indice generale presenterà un'inflazione congiunturale inferiore a +0,9%, contribuendo a un'ulteriore discesa dell'inflazione annuale attualmente al 10,1%. Diversamente la componente di fondo potrebbe non presentare un valore inferiore al +0,3% del febbraio scorso portando a un nuovo picco superiore all'attuale 6,0%.

 

In altre parole, l'attuale livello di inflazione sta scendendo per una riduzione dei prezzi energetici, mentre per il resto dell'economia i prezzi dei beni, compresi quelli alimentari, stanno ancora salendo.

 

 

STIMA DEBITO SINO A GIUGNO 2023

 

 

 

 

Il commento della Mazziero Research

Il mese di dicembre dovrebbe essere l'ultimo a presentare una discesa del debito con il raggiungimento di un livello che stimiamo a 2.761 miliardi; la cifra potrebbe differire anche sensibilmente da questo valore a causa delle operazioni di chiusura del bilancio annuale.

Da gennaio il debito dovrebbe tornare a salire per arrivare a giugno a un livello che stimiamo tra 2.807 e 2.852 miliardi.
 

Il grafico presenta con una linea rossa i dati ufficiali pubblicati da Banca d'Italia, e prosegue in grigio con i valori stimati dalla Mazziero Research.
La tabella di affidabilità indica le differenze tra i valori ufficiali e le stime precedentemente fatte dalla Mazziero Research.

 

I dati ufficiali
Debito pubblico: 2.765 miliardi (diminuzione)
Relativo a: novembre 2022 
Pubblicato il: 16 gennaio 2023


STIME Mazziero Research

La stima a dicembre 2022
2.761 miliardi (diminuzione)
Intervallo confidenza al 95%
compreso tra 2.752 e 2.770 miliardi
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 febbraio 2023

La stima a giugno 2023
Compreso tra 2.807 e 2.852 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 16 agosto 2023

 

GRAFICO DEI RATING E CALENDARIO 2023

 

Scope rating non ha espresso alcuna valutazione nella data programmata di gennaio. Le prossime valutazioni saranno ad aprile da parte di DBRS e Standard& Poor's.

Di seguito il calendario degli appuntamenti aggiornato. 

 

 

A cura di Maurizio Mazziero

https://www.mazzieroresearch.com/

 

Condividi

Questi ti potrebbero interessare

Un gain di 1.270 dollari sul Future Gold

Alessandro Aldrovandi

Un gain di 1.270 dollari sul Future Gold

15/05/2024 12:31

Strategie di trading sportivo.

Giovanni Lapidari

Strategie di trading sportivo.

15/05/2024 09:17

Dello stesso argomento:

DEBITO

Debito pubblico: si riparte!

Maurizio Mazziero

Debito pubblico: si riparte!

03/04/2024 09:45

PIL e debito cosa ci aspetta nel 2024

Maurizio Mazziero

PIL e debito cosa ci aspetta nel 2024

06/02/2024 15:25

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.