Le nuove stime sul PIL 2024 e sul debito

Maurizio Mazziero Maurizio Mazziero - 04/12/2023 15:35

STIMA PIL 2023 e 2024

L'ultima stima dell'Istat ha indicato una crescita nel 3° trimestre pari a 0,1%, poco più alta della stima preliminare dello 0,0%.

A questo punto possiamo, con un buon margine di probabilità, stimare la crescita totale del 2023 allo 0,7%. 

Infatti, il valore del PIL dell'ultimo trimestre non è così determinante ai fini della crescita annuale, come si può notare dal seguente schema:

Per un 4° trimestre tra -0,2% e +0,1% il PIL 2023 sarà di +0,7%.
Per un 4° trimestre tra -0,3% e -0,6% il PIL 2023 sarà di +0,6%.
Per un 4° trimestre tra +0,2% e +0,5% il PIL 2023 sarà di +0,8%.

Le nostre stime per il 2024, vedono al momento un recupero nel 1° trimestre 2024 al +0,4%. con una stima sull'intero anno per una crescita al +0,5%.

Naturalmente questi valori presentano ancora un'elevata dose di incertezza, che è determinata principalmente dalle future decisioni di politica monetaria della BCE. 

Occorre notare come si sia esaurita la fase di rimbalzo post-Covid e l'Italia sia nuovamente sprofondata nei tassi di crescita "zero-virgola" che hanno caratterizzato gran parte del 2° decennio del 2000.

Q&A: Perché, con una crescita a +0,4% nel 1° trimestre, la stima annuale è solo dello 0,5%. Siete davvero così negativi sul 2024?
No tutt'altro. Un rialzo del +0,4% nel 1° trimestre corrisponde alla crescita rispetto al trimestre precedente. Quando si esamina la crescita in termini annuali questa volta il raffronto viene fatto sul PIL totale nei due anni presi in esame. Sono due misure che prendono in considerazione insiemi differenti.

STIMA DEBITO SINO A GIUGNO 2024

Il commento della Mazziero Research

Ultimo rialzo prima della ricorrente riduzione del debito nei mesi di novembre e dicembre.

Stimiamo il debito di ottobre a 2.860 miliardi, nuovo record storico, per poi scendere sino a fine anno in una zona compresa tra 2.832 e 2.852 miliardi. Nel Documento di economia e finanza (DEF) il Governo stima un debito a fine anno a 2.870 miliardi.

Da gennaio si ritornerà a crescere per superare a giugno 2024 i 2.900 miliardi.
 

Il grafico presenta con una linea rossa i dati ufficiali pubblicati da Banca d'Italia, e prosegue in grigio con i valori stimati dalla Mazziero Research.
La tabella di affidabilità indica le differenze tra i valori ufficiali e le stime precedentemente fatte dalla Mazziero Research.

I dati ufficiali
Debito pubblico:  2.844 miliardi (stabile)
Relativo a: settembre 2023
Pubblicato il: 15 novembre 2023


STIME Mazziero Research

La stima a ottobre 2023
2.860 miliardi (forte aumento – possibile nuovo record)
Intervallo confidenza al 95%
compreso tra 2.852 e 2.868 miliardi
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 dicembre 2023

La stima a dicembre 2023
Compreso tra 2.832 e 2.852 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 febbraio 2024

La stima a giugno 2024
Compreso tra 2.905 e 2.961 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 16 agosto 2024

INFLAZIONE SOTTO L'1%: chi vince & chi perde

L'ultima rilevazione Istat sui prezzi al consumo di novembre (stima provvisoria) ha visto scendere la variazione annuale del paniere NIC al di sotto dell'1%.

Il forte crollo che si evidenzia nel grafico tra settembre (5,3%) e ottobre (1,7%) è stato determinato dall'uscita dal conteggio della variazione mensile del mese di ottobre 2022, quando in un solo mese si era registrato un aumento del 3,4%.

Da qui in avanti cosa succederà?
Dovremmo assistere ad ulteriori cali, con qualche rimbalzo probabile nei mesi di gennaio, marzo e giugno. (Tali ipotesi si basano su un fattore tecnico osservando i valori già molto ridotti segnati in quei mesi nel 2023; ciò renderebbe più difficile la possibilità di scendere ulteriormente).

Una buona notizia per le famiglie
Pur considerando che un'inflazione che scende non significa che stanno scendendo i prezzi, ma che la velocità con cui stanno aumentando è più bassa, siamo di fronte a una buona notizia per le famiglie.
Ciò significa che l'erosione del potere di acquisto sta rallentando e quindi gradualmente dovremmo essere diretti verso una stabilizzazione dei prezzi.
Resta il forte problema che la maggior parte dei salari sono rimasti fermi durante tutto il forte ciclo di incremento dei prezzi: da gennaio 2022 a novembre 2023 l'indice dei prezzi al consumo NIC è cresciuto del 10,4%. Ciò significa che le famiglie possono acquistare il 10% in meno di beni, sino a che i salari non verranno adeguati. Una specie di tassazione occulta che non beneficia nemmeno lo Stato. 

Una cattiva notizia per lo Stato
Sebbene anche lo Stato, quando acquista beni o servizi, si trovi nelle stesse condizioni del consumatore traendone beneficio, un ribasso dell'inflazione penalizza il calcolo del PIL in termini reali (comprensivo dell'inflazione) che viene utilizzato nel rapporto debito/PIL. 
Un PIL reale inferiore, farà diminuire di meno quel rapporto, con il risultato di un debito/PIL più alto. Le stime del Governo risulteranno più ottimistiche della realtà e più criticabili dalla Commissione Europea nell'esame dei nostri conti pubblici.
Inoltre, se la BCE manterrà i tassi elevati per diverso tempo, ci troveremo nella condizioni in cui pagheremo alti rendimenti sui titoli di Stato a fronte di un livello di inflazione più basso. Il rendimento reale (al netto dell'inflazione) sarà così maggiore e il debito statale subirà una minore diluizione dovuta all'aumento del costo della vita.

Se una crescita dell'inflazione beneficia chi fa debito, che restituirà il prestito con denaro svalutato; una diminuzione dell'inflazione avvantaggia chi presta il denaro che subirà una minore erosione del potere d'acquisto sul denaro prestato.

GRAFICO DEI RATING E CALENDARIO 2023

Dopo la revisione al rialzo dell'outlook da parte di Moody's, Scope ha confermato il rating BBB+ con outlook stabile.
Scope è entrata recentemente fra le agenzie riconosciute nelle valutazioni da parte della BCE e il suo giudizio ha concluso la stagione dei rating italiani per il 2023.

Il bilancio dell'anno mostra la stabilità delle valutazioni, con un passaggio da negativo a stabile dell'outlook da parte di Moody's: l'agenzia più critica verso l'Italia si mantiene a un solo gradino dalla soglia dei titoli spazzatura, ma per ora sembra soprassedere a un declassamento.

Il grafico mostra le differenti valutazioni tra le varie agenzie, mentre sotto viene riportato il calendario sino a fine anno.

IL TESTO PER CONOSCERE LE MATERIE PRIME

La Guida definitiva per chi vuole conoscere le materie prime come un professionista.

Completamente aggiornata ai cambiamenti dopo il Covid-19 e il Conflitto Russia-Ucraina.

456 Pagine divise in 14 Capitoli
281 Figure e 102 Tabelle
132 Link a fonti informative
Conversione rapida
delle unità di misura
Indice analitico degli argomenti

LINK per l’acquisto
 

Report a cura di Maurizio Mazziero  - https://www.mazzieroresearch.com/

Condividi

Questi ti potrebbero interessare

Venti di Guerra.

Giovanni Lapidari

Venti di Guerra.

20/05/2024 09:11

La Fed non dispone di una teoria sull'inflazione

Gaetano Evangelista

La Fed non dispone di una teoria sull'inflazione

16/05/2024 17:01

Video Analisi Ciclica dei principali Mercati-14-mag-24

Eugenio Sartorelli

Video Analisi Ciclica dei principali Mercati-14-mag-24

14/05/2024 15:50

Dello stesso argomento:

DEBITO

Debito pubblico: si riparte!

Maurizio Mazziero

Debito pubblico: si riparte!

03/04/2024 09:45

PIL e debito cosa ci aspetta nel 2024

Maurizio Mazziero

PIL e debito cosa ci aspetta nel 2024

06/02/2024 15:25

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.