Double Coupon: la novità che ti paga per il tempo che passa

Pierpaolo Scandurra Pierpaolo Scandurra - 15/05/2024 11:28

Una struttura innovativa presentata da Leonteq che prevede un doppio flusso cedolare a memoria. Rendimento potenziale fino al 15% annuo su utilities.

Le innovazioni di struttura non hanno mai fine nel segmento dei certificati di investimento. Se in due dei precedenti appuntamenti eravamo andati alla scoperta degli All Coupon, oggi concentriamo la nostra attenzione su un nuovo filone di prodotti: i Double Coupon firmati Leonteq. Concettualmente simili agli All Coupon (sono entrambi certificati marcatamente rialzisti rispetto alle quotazioni del sottostante) sono però molto diversi nella sostanza, soprattutto se valutati in un’ottica dinamica con il passare del tempo e l’approssimarsi della scadenza. Ma procediamo con ordine. I Double Coupon non sono altro che Express dotati di un flusso cedolare periodico, con trigger premio coincidente con la barriera: pertanto, oltre al pagamento delle cedole, il certificato “carica” nel corso della sua vita utile un premio autocall a memoria (pari al premio periodico) che verrà pagato in caso di rimborso anticipato o di rilevazione a scadenza al di sopra dello strike da parte di tutti i titoli sottostanti.

Come anticipato, la differenza con gli All Coupon risiede nel delta dello strumento con il passare del tempo: se nei Double Coupon questo aumenta all’avvicinarsi della scadenza (soprattutto qualora i titoli sottostanti quotino in prossimità dello strike), proprio come per gli Express, i certificati All Coupon vedono diminuire il proprio delta nel tempo, diventando di fatto dei classici Cash Collect una volta superate tutte le date di rimborso anticipato, essendo svanita la possibilità di ricevere l’intero flusso cedolare in anticipo rispetto alla maturity. Come suggerisce il nome, i Double Coupon presentano quindi una sorta di doppio flusso cedolare a memoria: uno tipico dei Cash Collect, con il trigger posto in corrispondenza della barriera, l’altro tipico invece degli Express, con il trigger premio che coincide con l’autocall.

Sono al momento quattro i Phoenix Memory Double Coupon (tutti emessi da Leonteq) in quotazione sul mercato secondario. Tra questi abbiamo scelto il certificato con codice ISIN CH1336243352, scritto su un basket settoriale su utilities composto da Engie, Veolia, Enel e Rwe. La struttura paga premi condizionati pari al 2% trimestrale (8% p.a.), con trigger premio e barriera posti al 60% dei rispettivi valori iniziali; la durata massima è pari a tre anni, con la possibilità di rimborso anticipato (trigger posto al 100% degli strike) alle date autocall con frequenza trimestrale a partire dal 7 novembre 2024: in questa prima data il certificato rimborserebbe un importo pari a 1.060 euro, comprensivo di un premio autocall pari a 40 euro e di un ultimo premio periodico pari a 20 euro. Il premio autocall è incrementale del 2% ogni trimestre, fino al 22% della penultima data di osservazione (8 febbraio 2027).

Per maggiore chiarezza si ipotizzi che il sottostante worst of sia al di sopra del trigger autocallable al 100% il :

  • 7 novembre 2024 :  rimborso pari a 1000 euro + 20 euro della cedola di competenza + 40 euro di double coupon
  • 7 maggio 2025 : rimborso pari a 1000 euro + 20 euro della cedola di competenza + 80 euro di double coupon
  • 7 maggio 2026 : rimborso pari a 1000 euro + 20 euro della cedola di competenza + 180 euro di double coupon

Dove l’importo del double coupon crescerà in funzione dei mesi trascorsi dall’emissione.

Qualora si giunga invece alla data di osservazione finale del 7 maggio 2027 senza che il certificato sia stato richiamato anticipatamente, il prodotto rimborserà il proprio valore nominale qualora tutti i titoli non perdano più del 40% dai rispettivi valori di riferimento iniziali e al contempo almeno uno dei titoli rilevi al di sotto del valore di fixing iniziale, generando un rendimento annualizzato pari al 7,5% considerando anche l’attuale prezzo di acquisto leggermente al di sopra della parità. Nel caso in cui tutti i titoli rilevino al di sopra del fixing iniziale, il valore di rimborso sarebbe pari a 1.260 euro, per un rendimento complessivo annualizzato pari al 15,4%. Al di sotto del livello barriera il valore di rimborso del certificato verrà invece diminuito della performance negativa del titolo worst of, che verrà calcolata a partire dallo strike price.

 

Report a cura di Pierpaolo Scandurra
www.certificatiederivati.it

 

 

DISCLAIMER

La presente avvertenza è fornita in quanto il contenuto della presente comunicazione può contenere informazioni che la rendano riconducibile alla fattispecie di “raccomandazione di investimento", secondo la definizione di cui all’art. 20 del Regolamento (UE) n. 596/2014 (la “Market Abuse Regulation”, di seguito “MAR”) ed è fornita da Certificati e Derivati S.r.l. (“CED”) in quanto soggetto rientrante nella definizione dei c.d. “esperti” ai sensi dell’art.3(34)(i) MAR e articolo 1(a) del Regolamento Delegato (UE) 958/2016 (“RD 958/2016”). CED non svolge servizi e attività di investimento nei confronti del pubblico e come tale non è soggetto all’obbligo di autorizzazione previsto dal Testo Unico in materia di intermediazione finanziaria D.LGS 58/1998.
La presente comunicazione non ha finalità commerciale ma solo informativa e come tale non risponde ai requisiti di indipendenza delle ricerche su investimenti e non è soggetta a divieto di negoziazione prima della sua divulgazione. Per informazioni su Certificati e Derivati in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare qui. (link https://www.certificatiederivati.it/bs_ros_disclaimer.asp) 
Ricordiamo, prima di effettuare un’operazione, di leggere attentamente il prospetto di base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le condizioni definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente.

Condividi

Questi ti potrebbero interessare

Dello stesso argomento:

FIB

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.