Quali sono le novità riguardo alle piattaforme di streaming?

Redazione Traderlink Redazione Traderlink - 26/07/2023 07:52

La concorrenza si è intensificata sempre di più, poiché le aziende tendono a privilegiare la redditività aziendale anziché la crescita degli iscritti. Questo porterà a una selezione naturale che favorirà le grandi aziende del settore

 

Durante la pandemia, molte società del settore sono state favorire dai lockdown, ma le valutazioni di mercato sono ora crollate. Ad eccezione di Netflix, secondo gli analisti di Morningstar, tutte le aziende sono scambiate a sconto rispetto al fair value e hanno un rating di quattro o cinque stelle.

 

Durante la fase acuta del Covid-19, l'utilizzo dei servizi di streaming è aumentato, portando a un aumento degli abbonati e all'ingresso di nuovi competitor nel settore. Tuttavia, con la fine delle restrizioni, la produzione di film e serie TV è ripresa ma si sono verificati ritardi e aumenti dei costi a causa della carenza di spazi di produzione e personale. Ciò ha avuto un impatto sui margini di profitto delle aziende del settore e ha spostato l'attenzione degli investitori dalla crescita degli abbonamenti alla solidità finanziaria a lungo termine. Questo cambiamento di strategia ha portato a una riduzione degli investimenti nella produzione di nuovi contenuti e a una razionalizzazione dei costi, compresi quelli di marketing e del personale. Gli analisti di Morningstar prevedono che ciò produrrà una selezione naturale tra i vincitori e i perdenti del settore, con Netflix e Disney che emergeranno come leader di mercato.

 

Secondo gli analisti di Morningstar, Netflix è un'azienda redditizia che ha iniziato a diversificare le sue fonti di reddito. Tuttavia, il prezzo delle sue azioni è scambiato a un premio del 30% rispetto al suo valore equo, non riflettendo la maturità del mercato domestico e lo scarso sviluppo dei mercati emergenti. Al contrario, Disney è considerata l'azienda migliore nel gestire la transizione verso lo streaming, con un business che si prevede diventerà redditizio entro il 2024. Ha una solida posizione finanziaria, un ricco catalogo di contenuti e risorse economiche per investire in nuove produzioni. 

Le valutazioni delle azioni Disney sono rimaste sostanzialmente invariate e ora sono scambiate a uno sconto del 40% rispetto al loro valore equo. Paramount+ e NBCU sono invece in una posizione meno favorevole per affrontare la transizione del settore dello streaming. Paramount+ è in ritardo rispetto ai maggiori operatori e ha risorse finanziarie inferiori, mentre NBCU offre un servizio inferiore rispetto a Netflix o Disney+. Apple e Amazon, che operano anche nel settore dello streaming, sono indifferenti alle dinamiche del settore in quanto utilizzano questo segmento per sostenere la crescita del loro core business. Apple TV aiuta ad aumentare la fedeltà dei clienti al suo ecosistema di prodotti, mentre Prime Video di Amazon attrae e mantiene gli abbonati Prime.

 

Fonte : https://www.morningstar.it/it/

 

Condividi

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.