Traderlink
YouFinance.it
tanta didattica gratuita
Cerca
 

Le prospettive dei mercati azionari per le prossime settimane

26/02/2021 15:46

Si pone un problema di credibilità delle banche centrali. Dall’inizio dell’anno il "TLT", il popolare ETF che replica la parte lunghissima della curva dei rendimenti americana, cede il 12.5%. Un bagno di sangue, per gli investitori, maturato soprattutto nell’ultimo mese.

L’argomento del giorno sono senz’altro i tumulti che si registrano in diversi settori del mercato obbligazionario. Il rendimento del Treasury Note a 10 anni ieri si è spinto oltre l’1.60% ma, probabilmente, il misuratore di fibrillazione più significativo è costituito dallo yield del bond giapponese di pari durata: +0.17%, malgrado il tetto in prossimità dello zero imposto dalla Bank of Japan.
Si pone da alcuni giorni un problema di credibilità delle banche centrali: comprensibilmente, l’asset più rilevante vantato dagli istituti di emissione. Il mite governatore Powell ha gettato acqua sul fuoco, rilevando come l’aumento del costo del denaro sia addirittura una buona notizia (al Tesoro, con il deficit corrente ed il debito federale incontrollato, fanno gli scongiuri). Ma gli investitori non sono dello stesso parere; a tutte le latitudini, visti gli interventi sul mercato da parte della Reserve Bank of Australia – che ha percorso prima d’altre il sentiero del controllo della curva dei rendimenti – fra le altre.
Dall’inizio dell’anno il "TLT", il popolare ETF che replica la parte lunghissima della curva dei rendimenti americana, cede il 12.5%. Un bagno di sangue, per gli investitori, maturato soprattutto nell’ultimo mese: -11.0%, tenendo conto anche del flusso cedolare. Ieri un’asta di titoli governativi a 7 anni è risultata francamente orrenda. E nel frattempo il premio a termine, che misura il maggiore compenso richiesto per detenere scadenze lunghe, punta risolutamente verso l’alto, dopo aver contribuito per diversi anni al contenimento dei tassi di interesse.
Naturalmente, sullo sfondo permane la questione di un risveglio della ad un certo punto auspicata inflazione. Un tema sempre più attuale, anticipato con convinzione nel nostro Outlook di inizio anno. Come dicono negli Stati Uniti, «state attenti a ciò che chiedete; perché potreste rischiare di ottenerlo».
Il nervosismo degli investitori ha raggiunto Wall Street, dove lo S&P500 ha ceduto quasi il 2.5% (performance peggiore dallo scorso 27 gennaio). Da dimenticare l’ampiezza di mercato: soltanto una cinquantina di società del paniere dell’indice citato, è riuscita a chiudere in territorio positivo.
La debolezza di questi giorni è da ricondurre al doveroso riallineamento, resosi necessario in virtù di un mercato salito a metà mese in misura superiore alle aspettative. La discrepanza benigna venutasi a generare, è ben rappresentata dal confronto da inizio anno fra S&P500 e prescrizioni del nostro modello previsionale: sotto questa prospettiva, è facile qualificare gli scossoni degli ultimi giorni, e soprattutto le prospettive dei mercati per le settimane a venire.

A cura di Gaetano Evangelista

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Banca centrale Etf Finanza Investment Mercati

AUTORI:

Gaetano evangelista

GRAFICI:

Alcon Enel

TRADERPEDIA:

Inflazione Interesse Investitori Rendimento


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


App Traderlink Cloud
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Copyright © 1996-2021 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK