overlayHeader
overlayContent
Traderlink
YouFinance.it
sono aperte le iscrizioni
Cerca
 

Aiutaci a piantare 10.000 alberi!

Partecipa al torneo di trading simulato ›

E' una iniziativa
Traderlink

È tempo di consolidamento per i listini azionari?

11/11/2022 09:35

Lo stallo istituzionale negli Stati Uniti garantisce lo status quo: niente faraonici nuovi progetti di spesa che graverebbero sulle finanze pubbliche, indisponendo il mercato obbligazionario, a cui quello azionario è stato quest'anno legato a doppio filo.

 

Le elezioni di medio termine confermano lo spostamento verso una condivisione di poteri fra la (ex) maggioranza democratica che esprime la presidenza degli Stati Uniti, e la minoranza repubblicana che adesso conquista la Camera, e contende il Senato. Confermate le aspettative della vigilia, con Biden che non potrà più imporre la sua agenda, ma che potrà sempre disporre del potere di veto per stoppare le iniziative repubblicane al Congresso. Per i prossimi due anni, insomma, sarà stallo.
Tutto sommato però ieri i market mover erano altrove. Un articolo apparso su Bloomberg evidenzia come la politica monetaria effettiva risulti ben più restrittiva di quanto appaia ufficialmente, con un policy rate effettivo che si collocherebbe al 5.25%, considerando il QT in atto. Non sarebbe necessario attendere la prossima primavera per soddisfare le aspettative espresse da Powell all’ultimo FOMC.
Anche perché il restringimento è confermato da altre fonti: il sondaggio trimestrale condotto periodicamente della Federal Reserve conferma come le banche monitorate stiano restringendo il credito a tutti i livelli. Questo, mentre l’ottimismo delle “piccole imprese” USA si ridimensiona, per la prima volta dopo quattro mesi, stando a quanto riporta la NFIB.
Non dovesse bastare, sul mercato delle criptovalute abbiamo assistito ad un vero e proprio terremoto, con il fondatore di Alameda ed FTX costretto ad alzare bandiera bianca, vendendo ai rivali di Binance. Ripercussioni su tutte le cripto, con una perdita media che supera il 15%. Sotto questa prospettiva conforta la tenuta del mercato azionario, con lo S&P500 che si conferma, e con il Nasdaq che mette a segno un saldo positivo pur essendo stato spesso affiancato in passato proprio all’universo delle criptovalute.
Piazza Affari chiude in positivo per la 15esima volta nelle ultime 19 sedute.
L’indice ha avuto ragione della media mobile a 200 giorni, e questo conforta non poco gli investitori, che possono ora disporre di un valido supporto in grado di contenere eventuali ripiegamenti del nostro listino. La sensazione è che un consolidamento sia imminente.
Il modello previsionale, basato sul mercato delle opzioni, suggeriva una tendenza positiva fino ai primi giorni di novembre. Come mostra il Rapporto Giornaliero di oggi, idealmente a questo punto dovremmo orientarci verso uno storno, approssimativamente fino alla fine del mese, prima del ripristino del rialzo per tutto il prossimo mese di dicembre.

 

di Gaetano Evangelista

https://www.ageitalia.net/

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata


Condividilo!  

TAG:

Bank Cryptovalute Indicators and oscillators Mercati

AUTORI:

Gaetano evangelista

GRAFICI:

-media- Nasdaq Volta inc


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


App Traderlink Cloud
Apple Store

Occhio alla Borsa

Scelti per te

Fisco e pensioni

Ultimi segnali

Formazione Directa

Copyright © 1996-2022 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo sito non costituiscono consigli né offerte di servizi di investimento. Leggi il Disclaimer.

Ho capito x