La situazione sui mercati dopo l'attacco in Medio Oriente, le società e i titoli internazionali più esposte al conflitto.

Redazione Traderlink Redazione Traderlink - 17/10/2023 11:20

Il conflitto tra Israele e Hamas ha provocato un crollo del mercato azionario israeliano. Anche se l'indice TA-35, che rappresenta le 35 più grandi società quotate nella borsa israeliana, si è in qualche modo stabilizzato, restano dubbi sulle società che operano fuori dalla Borsa di Tel Aviv. Nel nostro database abbiamo identificato quelle azioni scambiate sui mercati esteri, che hanno sede in Israele o, per quelle internazionali, che hanno un fatturato esposto al mercato israeliano. 

Le due società che ricoprono questo ruolo e sono coperte dalla ricerca Morningstar si chiamano Check Point Software Technologies (CPW) e NICE (NSY). Entrambe sono aziende di software, con capitalizzazioni di mercato di 15 e 10 miliardi di euro rispettivamente. 

Check Point Software Technologies ha sede a Tel Aviv e le sue azioni sono scambiate sulla Borsa di Monaco. Specializzata nella cyber sicurezza, offre software per la sicurezza di reti, endpoint, cloud e mobile ad aziende e privati. Il 50% dei suoi ricavi proviene da Europa, Medio Oriente e Africa, il 40% dalle Americhe e il 10% dalla regione Asia-Pacifico. 

NICE è un’azienda di software che offre soluzioni per l'analisi dati attraverso una piattaforma cloud e un'infrastruttura locale. Tra i leader nel segmento dell’esperienza del cliente, NICE utilizza l'intelligenza artificiale per ottimizzare i servizi. Produce anche soluzioni per la gestione del rischio, indagini, prevenzione delle frodi e anti-riciclaggio nel settore della criminalità finanziaria. Gli analisti di Morningstar attribuiscono a NICE un Economic Moat di livello medio. 

Tra i primi cinque titoli per capitalizzazione di mercato, oltre ai due sopra menzionati, abbiamo il produttore di farmaci generici Teva (TEV), la società di software Monday.com (6B6) e l'azienda aerospaziale e di difesa Elbit Systems (EB2). 

Ma che cosa sta accadendo in Israele e sui mercati? All'inizio della scorsa settimana Israele si è trovata in una situazione politicamente delicata. Il governo Netanyahu, appoggiato da una coalizione di partiti di centro e di destra, ha dovuto affrontare una forte opposizione interna alla controversa riforma della giustizia. Tra le conseguenze, la valuta nazionale ha raggiunto il minimo degli ultimi sette anni dopo gli attacchi di sabato. Per contrastare la volatilità dello shekel e garantire la liquidità sui mercati finanziari, la Banca d'Israele ha venduto valuta estera per 30 miliardi di dollari. 

Sui mercati finanziari, le azioni della difesa hanno avuto un incremento significativo la scorsa settimana, alimentando speculazioni che la crisi in Medio Oriente potrebbe spingere verso un aumento della spesa militare. Anche il settore energetico ha avuto un rialzo, sostenuto dall'aumento del prezzo del petrolio. 

 

(Redazione)

Condividi

Questi ti potrebbero interessare

Newsletter

Newsletter settimanale

Ricevi ogni venerdì notizie e approfondimenti sui principali argomenti di borsa e finanza della settimana, comodamente nella tua casella di posta.