Traderlink
Cerca
 

Per l’economia e la Borsa turca non c’è pace. E nemmeno per gli obbligazionisti

02/12/2021 17:00

Avanti un altro! Mercoledì il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha difeso la sua politica economica “rischiosa ma giusta” e ha licenziato il suo ministro delle finanze Lütfi Elvan per sostituirlo con il suo vice Nureddin Nebati. L’ex ministro ed economista turco paga così il crollo della lira turca e l'impennata dell'inflazione, conseguenze della politica dei tassi bassi decisa dallo stesso Capo dello Stato.

Solo negli ultimi 2 anni Erdogan ha già licenziato tre governatori della banca centrale, accusati di non sostenere con sufficiente ardore questa politica. Lo stesso Lütfi Elvan è durato solo tredici mesi nel suo incarico dove era stato nominato per sostituire Berat Albayrak, genero del presidente turco. Un rimpasto causato, già, da una bufera sulla valuta turca e dai dubbi espressi dagli investitori. Da inizio anno la lira turca ha perso quasi la metà del suo valore e aumentato il costo dei prodotti importati e alimentato l'inflazione tra le più alte del pianeta, quasi il 20% all'anno. Un tasso quattro volte superiore all'obiettivo ufficiale del governo e destinato ad alimentare il malcontento sociale.

A leccarsi le ferite sono in ogni caso alcuni risparmiatori che avevano puntato sulla Turchia e che hanno deciso di investire in obbligazioni del Paese “cedolose” e che fino a qualche anno fa venivano collocate a piene mani o ricercate dagli investitori in cerca di “rendite periodiche”. In 5 anni, nonostante cedole del 10%, chi ha puntato decisamente sulla mezza luna turca ha dimezzato il capitale. Anche se ha acquistato i bond della Bei, Banca Europea per gli investimenti.

Ne ho parlato nell’ultima mia irriverente LetteraSettimanale di SoldiExpert SCF, società di consulenza finanziaria indipendente e anche nel recente video sull’obbligazionario (che ci ha fatto superare i 2000 follower del canale YouTube di SoldiExpert SCF) e da inizio novembre la situazione è ulteriormente precipitata (oltre il 15% il crollo della lira turca), poiché il presidente Recep Tayyip Erdogan ha scelto di andare in direzione ostinata e contraria e con l’aumento dell’inflazione al 20% ha pensato bene di spingere la banca centrale turca (che non gode evidentemente di grande autonomia) a tagliare il costo del denaro in Turchia.



Articolo a cura di Salvatore Gaziano
https://soldiexpert.com/
 

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Obbligazioni Borsa Economy Investment

AUTORI:

Salvatore gaziano

TRADERPEDIA:

Inflazione Investitori Obbligazioni


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


App Traderlink Cloud
Apple Store

Copyright © 1996-2022 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK