Traderlink
YouFinance.it
l'evento gratuito dell'anno
Cerca
 

Calendario macro: i market mover della settimana

01/03/2021 09:17

Occhi puntati su inflazione e PMI con la prima che potrebbe essere la vera sorpresa per gli osservatori. Ma analizzando anche il resto dei dati macro in via di pubblicazione questa settimana, non si può non considerare anche la disoccupazione in Germania e negli USA per febbraio. Per il Belpaese, invece, il giorno clou sarà mercoledì, quando verranno pubblicati i numeri del prodotto interno lordo del quarto trimestre 2020.  

Lunedì: si apre con i PMI e i prezzi al consumo

Giorno ricco di appuntamenti con la pubblicazione dei dati su PMI di febbraio e soprattutto su inflazione (dato provvisorio), sempre dello stesso mese. I numeri del Purchasing Managers Index riguarderanno Giappone, Cina, Europa e USA mentre per i prezzi al consumo saranno interessate l’Italia e la Germania (dato provvisorio). Per Washington sono previsti anche i dati sulle spese di costruzione di gennaio e i risultati dell’indice ISM manifatturiero di febbraio.

Martedì: inflazione in Europa

Martedì ci sarà Berlino al centro della scena. La Germania, infatti, conoscerà, oltre al risultato delle sue vendite al dettaglio di febbraio, anche lo stato della sua disoccupazione per lo stesso mese. Dato che coinvolgerà anche la Spagna. A gennaio, invece, si riferiranno le cifre sulla disoccupazione giapponese. E L’Europa? Il Vecchio Continente, invece, vedrà la pubblicazione dei prezzi al consumo di febbraio (dato provvisorio).

Mercoledì:  PIL italiano

La giornata sarà particolarmente importante per chi si interessa dello stato dell’economia nazionale. Infatti saranno pubblicati i numeri del prodotto interno lordo italiano del quarto trimestre 2020. Ma allargando la visuale al resto delle varie economie, risalta il dato europeo e statunitense, in pubblicazione sempre mercoledì, su PMI servizi e composito di febbraio insieme a quello cinese (Caixin) sui servizi. Inoltre è da segnalare anche la rilevazione sui prezzi alla produzione di gennaio per l’Europa. 

Sempre per gli USA: ISM non manifatturiero di febbraio e scorte settimanali di petrolio.

Giovedì: disoccupazione tra USA ed UE

Nella giornata di giovedì sarà doveroso monitorare lo stato della disoccupazione tra UE (disoccupazione di gennaio) e USA. In quest’ultimo caso ci saranno i sussidi settimanali di di disoccupazione e challenger licenziamenti di febbraio, oltre al costo unitario del lavoro del quarto trimestre. Sempre da Washington in arrivo la produttività del quarto trimestre e gli ordini all’industria di gennaio. Per l’Unione, inoltre, ci sarà la pubblicazione delle cifre riguardanti le vendite al dettaglio di gennaio. 

Venerdì: vendite al dettaglio in Italia

Giorno importante per avere il polso della situazione sulle vendite al dettaglio in Italia a gennaio. Dato rilevante vista la prima stagione dei saldi in era Covid, avviata immediatamente dopo le vendite natalizie. La Germania sarà presente in agenda con gli ordini all’industria di gennaio mentre dall’altra parte dell’oceano ci sarà la pubblicazione della bilancia commerciale di gennaio ma soprattutto del tasso di disoccupazione USA di febbraio oltre alla variazione occupati sullo stesso mese.

Articolo a cura di Rossana Prezioso

 

© TraderLink News - Direttore Responsabile Marco Valeriani - Riproduzione vietata



TAG:

Economy Europe Germany Industria e lavoro Macro economia Usa

AUTORI:

Rossana prezioso

GRAFICI:

Crude oil Pmi

TRADERPEDIA:

Inflazione Interesse Petrolio Sar


DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!


App Traderlink Cloud
Apple Store

Scelti per te

Ultimi segnali

Copyright © 1996-2021 Traderlink Srl
contact@traderlink.it

Seguici su Facebook

BORSA ITALIANA
Quotazioni di borsa differite di 20 min.

MERCATO USA
Dati differiti di 20 min. (fonte Morningstar)

FOREX:
Quotazioni fornite da FXCM

DISCLAIMER Leggi bene le nostre avvertenze!

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. OK